Le contraddizioni dell’amore erotico e dell’amore materno in un dramma personale e familiare che porta tutti i protagonisti a fare i conti con l’imprevedibilità della vita.


Casa editrice Nutrimenti, pp. 224,  € 15,20


Anna Mantovani va a vivere a Ferrara, dove ha trovato lavoro. Inizia a conoscere la città insieme ai romanzi di Giorgio Bassani: cerca il giardino dei Finzi Contini, scopre la casa di Edgardo Limentani. Incontra Marco, si sposa e ha un figlio. Sembra che la vita – la sua vita, finalmente – stia cominciando. Dopo le prime felicità, però, Anna inizia a provare un’inspiegabile insoddisfazione proprio per ciò che ha conquistato.
Il figlio, il matrimonio, il lavoro non sono più motivi sufficienti a risparmiarle derive e sofferenze, e la sua mente inizia a perdersi in dolorosi labirinti che minacciano la sua stabilità emotiva. Sono gli anni della recessione economica e l’insicurezza sociale complica il suo sforzo per ritrovare la felicità e la salute. Caduta preda delle proprie ossessioni, Anna si ritrova sola. Alle porte della follia – o forse di una nuova libertà – comincia un giorno d’inverno ad apparire ogni sera all’incrocio tra due viali. La sua figura diventa una presenza amata e attesa, ed è in questo crocevia che Anna cercherà la sua difficile guarigione.

Play
Play
previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

CALENDARIO PRESENTAZIONI 2020

26 febbraio, ore 18.00
Libreria Libraccio
piazza Trento e Trieste, Ferrara
Ferrara

Intervengono

Sergio Gessi, Maria Bordini, Maria Gloria Panizza.
La presentazione è stata rinviata


Sì. Proprio il consistere del minimo, del pressoché inesistente, accanto al sublime, mi fa sperare d’avere scritto dei libri che, in qualche modo, abbiano a che fare con la vita, con la vita nella sua realtà, e quindi con la poesia.

Giorgio Bassani, da In risposta, in Di là dal cuore (1984), Mondadori, Milano 1984